Cerca negli archivi         
 

martedì 16 settembre 2014  02:52

L’Europa con i se e con i ma: analisi della visibilità dell’Unione Europea nei notiziari italiani del Prime time



- L’Unione europea è costantemente presente nell’informazione dei telegiornali del prime time, divenendo una protagonista imprescindibile del dibattito politico-istituzionale.

- Il tema in cui è centrale il ruolo della Ue è l’economia e le strategie per uscire dalla crisi che colpisce ormai tutti i principali paesi dell’area euro.

Scarica qui il rapporto.
Visualizza qui i rapporti precedenti.

Le europee nei Tg: un’analisi della campagna elettorale 2014 in televisione

Quali sono le principali caratteristiche della comunicazione politica televisiva durante la campagna elettorale? L’analisi presentata da Valeria Bianchi (Osservatorio di Pavia) e Cristina Chianale (Università di Pavia) a Firenze al seminario Sise 2014, condotta sulle prime 3 notizie di 4 telegiornali del prime time (Tg1, Tg5, TgLa7, Sky Tg24) nel periodo 7 aprile/ 25 maggio, ci fornisce alcuni dati utili per comprendere quanto e come si sia parlato di Europa e, attraverso un confronto con il 2013, quanto si è parlato di elezioni, candidati, programmi ed eventi della campagna elettorale.

Scarica qui la presentazione 2014.
Scarica qui la presentazione 2013.

--------------------------------------------------------------------------------------------

10 anni di "Crisi dimenticate"

Nell’era dell’informazione minuto per minuto, le grandi crisi umanitarie sono ancora lontane dai riflettori dei media. L’Osservatorio di Pavia e Medici Senza Frontiere hanno presentato al Festivaletteratura di Mantova 10 anni di “Crisi Dimenticate”, il rapporto che analizza la (in)visibilità delle crisi umanitarie nei principali telegiornali italiani.

Scarica qui la presentazione.
Guarda qui il video della presentazione.

--------------------------------------------------------------------------------------------

La tivù delle sorprese

La rivista Elle ha intervistato la Dott.ssa Monia Azzalini, ricercatrice dell’Osservatorio di Pavia, sull’argomento donne e tv.



Scarica qui l’intervista.



--------------------------------------------------------------------------------------------

L’Osservatorio di Pavia ha spiegato ai consiglieri i monitoraggi sulle tivù

Il Corecom trentino - Comitato provinciale per le comunicazioni, organismo incardinato presso il Consiglio provinciale - ha incontrato in data 29 luglio 2014 i consiglieri provinciali, per consentire loro di conoscere meglio il funzionamento dei monitoraggi effettuati periodicamente sulla comunicazione televisiva.



A entrare nel merito dei metodi di rilevamento, erano presenti Stefano Mosti, presidente dell'Osservatorio di Pavia, con il direttore ricerche Enrico Esposto.

Continua a leggere il qui.

--------------------------------------------------------------------------------------------

Relazione annuale Agcom 2014

2014 - Presentata la Relazione annuale dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni sull’attività svolta e sui programmi di lavoro.

Tra i vari aspetti della comunicazione dei media, la Relazione contiene un importante riferimento al monitoraggio della rappresentazione della figura femminile condotto dall’Osservatorio di Pavia (La rappresentazione della figura femminile nella programmazione delle reti generaliste RaiUno, RaiDue, RaiTre, pag. 257-262).


Scarica qui la Relazione dell'Agcom.

--------------------------------------------------------------------------------------------

Elezioni Tunisia 2014

Progetto di assistenza alla commissione elettorale e all'organo di regolamentazione e controllo dei media in Tunisia (2014-2015): progetto finanziato dalla Commissione europea e svolto in collaborazione con ERIS (Electoral Reform International Services). L'Osservatorio di Pavia assiste la commissione elettorale (ISIE - Instance Supérieure Indépendante pour les Élections) e l'Autorità dei media audiovisivi (HAICA - Haute Autorité Indépendante de la Communication Audiovisuelle) nel monitoraggio dei media e nella sensibilizzazione degli elettori al voto, in occasione delle elezioni legislative e presidenziali in Tunisia (26 ottobre - 23 novembre 2014).

Guarda i video ideati per la sensibilizzazione al voto: primo episodio, secondo episodio, terzo episodio e quarto episodio.

--------------------------------------------------------------------------------------------

Insieme contro ogni discriminazione

Il Progetto ICoD - Insieme Contro ogni Discriminazione, finanziato nell'ambito del programma FEI - Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi, è volto a contrastare i fenomeni di discriminazione etnico-razziale sul territorio della Regione Sardegna e a promuovere una cultura di accoglienza e valorizzazione delle diversità, rafforzando i sistemi di tutela e di denuncia accessibili sul territorio.
Nel primo semestre 2014, è stato condotto un monitoraggio sulle maggiori testate giornalistiche a diffusione regionale a cura dell'Osservatorio di Pavia.
Scarica qui il rapporto di sintesi e il comunicato stampa per la giornata conclusiva del progetto.

Scarica qui il rapporto di sintesi.
Scarica qui il comunicato stampa.

--------------------------------------------------------------------------------------------

Médias publics arabes et transitions démocratiques

L'Osservatorio di Pavia segnala che è stato pubblicato negli atti del convegno "Media pubblici arabi e transizioni democratiche" (svoltosi a Tunisi nel 2012) un intervento della ricercatrice dell'Osservatorio di Pavia Manuela Malchiodi dal titolo L’apport des observatoires des médias au jeu démocratique dans les pays en transition.
Il lavoro si inquadra nell'attività svolta in Tunisia dall'Osservatorio di Pavia.

Scarica qui la ricerca.

--------------------------------------------------------------------------------------------

Donne nell’informazione: i risultati del monitoraggio Rai 2013

In ottemperanza a quanto previsto dal Contratto di servizio 2010-2012, articolo 2, comma 7, ancora in vigore per il 2013, la Rai ha commissionato all’Osservatorio di Pavia il monitoraggio per verificare il rispetto delle pari opportunità e analizzare quanto l’immagine femminile veicolata dalle trasmissioni Rai corrisponda a una rappresentazione delle donne realistica e non stereotipata.
Il monitoraggio ha riguardato i programmi d’informazione e approfondimento, le rubriche e trasmissioni di servizio, i programmi culturali, di sport, d’intrattenimento e fiction trasmessi da Rai Uno, Rai Due, Rai Tre durante due settimane campione: una nel periodo di garanzia primaverile (12-18 maggio 2013) e una nel periodo di garanzia autunnale (6-12 ottobre 2013).

Questi i principali risultati pertinenti i programmi d’informazione e approfondimento presentati il 6 marzo a Roma, nel corso della tavola rotonda “Quali opportunità per il servizio pubblico? #Rai2016: costruiamo il futuro”, organizzata dalla Commissione Pari Opportunità dell’Usigrai in collaborazione con Articolo21:
• i programmi d’informazione e approfondimento Rai registrano una presenza femminile pari al 52,2% fra i professionisti impiegati nello svolgimento dei programmi e visibili in video: 46,1% alla conduzione e 53,2% fra i giornalisti, per citare i più importanti;
• fra le persone che fanno notizia, intervistate, ospiti, e così via, invece, le donne sono soltanto il 26%, una quota dimezzata rispetto alla rappresentanza femminile nella popolazione italiana (51,6% al 1 gennaio 2013).
• in particolare, le donne risultano svantaggiate dai criteri di agenda: fra le 2031 persone che fanno notizia solo il 22% è di sesso femminile.
• le donne sono poco numerose anche fra i portavoce di associazioni, enti, istituzioni e partiti (18,2%) e fra gli esperti (21,4%) intervistati o ospiti dei programmi d’informazione e approfondimento.
• significativamente più elevata è la presenza femminile fra le testimonianze (o narrazioni di esperienze private, personali) e le voci dell’opinione popolare: rispettivamente 36,5% e 45,8%.

Scarica qui la presentazione.


Archivio articoli e ricerche

Migranti nei media della Sardegna: un'indagine
"All’interno delle attività del progetto ICoD (Insieme contro ogni discriminazione), finanziato dal Fondo europeo per l’integrazione e volto a contrastare i fenomeni di discriminazione etnico-razziale sul territorio della Sardegna, l’Osservatorio di Pavia ha monitorato le maggiori testate a diffusione regionale per evidenziare modalità di rappresentazione del migrante…”

Prosegue la collaborazione con la rivista Popoli. Nella Rubrica Osservatorio TV di agosto-settembre, l’articolo di Giuseppe Milazzo, ricercatore dell'Osservatorio di Pavia, presenta i risultati del progetto ICoD - Insieme contro ogni discriminazione.


La campagna elettorale 2013 in Tv
Nella rivista ComPol (n. 1/2014), è presente l’articolo di Valeria Bianchi, Cristina Chianale e Alice Pulvirenti, collaboratrici dell'Osservatorio di Pavia, dal titolo "La campagna elettorale 2013 in Tv".


Archivio segnalazioni

 Ferrara
3-4-5 ottobre 2014

Internazionale

Domenica 5 ottobre 2014, alle ore 14,30, presso il Teatro comunale di Ferrara Paola Barretta, ricercatrice dell'Osservatorio di Pavia, presenterà il rapporto “10 anni di Crisi dimenticate”, nell'ambito del Festival Internazionale di Ferrara.

Per maggiori informazioni:Internazionale.

----------------------------------------------
Milano, anno accademico 2013-2014
Università degli Studi Milano Bicocca

L'Osservatorio di Pavia partecipa al Master universitario “Comunicazione della Scienza e dell’Innovazione Sostenibile” organizzato dall’Università degli Studi Milano Bicocca.

Per info: www.macsis.unimib.it.
e-mail: segreteria.macsis@unimib.it.


Archivio Osservatorio School




Donne e Media

Global Media Monitoring Project

Osservatorio Europeo sulle Rappresentazioni di Genere

Osservatorio Europeo sulla Sicurezza

Media e Minori

Le agrobiologie nei media italiani

Educazione ai media




L'osservatorio è partner di

® Copyright 2005 - Tutti i diritti riservati

Contacts | Disclaimer | Credits
L'officina