Ambiente e salute

Ambiente e salute costituiscono due temi su cui i media tradizionalmente si concentrano in circostanze d’emergenza: un terremoto, una valanga, un’epidemia. Eppure sono ambiti la cui cura ordinaria appare sempre più indispensabile a fronte delle sfide dello sviluppo sostenibile e degli accordi in tal senso sottoscritti, in seno alle Nazioni Unite, dall’Italia e dai restanti 192 paesi membri: 17 obiettivi e 169 target specifici da raggiungere entro il 2030. Con uno sforzo condiviso e multidisciplinare, che va oltre le tematiche ambientali e sanitarie, includendo le sfere economiche e sociali. Impegno che i media sono chiamati a condividere, con un’informazione attenta e responsabile

I progetti

OSA - Osservatorio sulla Sostenibilità e l'Ambiente nei media

Nel 2014 viene istituito, per la prima volta in Italia, l’Osservatorio Eco-Media, con l’obiettivo di dare una fotografia periodica su come le tematiche ambientali vengono trattate sui maggiori mezzi d’informazione. Da questa proficua esperienza, e come sua «naturale» evoluzione, si è deciso di ampliarne i contenuti dando così vita all’Osservatorio sullo Sviluppo Sostenibile e l’Ambiente nei Media – OSA – che intende fornire elementi di analisi (monitoraggio dei media, mappature degli stakeholder, analisi valoriali) per una riflessione sulla comunicazione della sostenibilità, al fine di valutare la natura dell’ informazione, l’autorevolezza delle fonti e l’efficacia della sensibilizzazione del pubblico sull’argomento. OSA, primo e unico think tank italiano permanente sull’informazione relativa agli obiettivi dello sviluppo sostenibile e all’ambiente, si pone le seguenti finalità di:
• raccogliere dati primari e aggiornati sui flussi dell’informazione relativamente alle tematiche di sostenibilità, in ambito nazionale ed europeo;
• stimolare i grandi editori, ossia coloro che governano il sistema mediatico, affinché i temi d’interesse abbiano lo spazio e la continuità che meritano;
• incentivare una filiera produttiva di settore green, cercando così di arrivare a un prodotto finale a impatto zero;
• appassionare un nuovo pubblico di lettori puntando sulla sostenibilità;
• divulgare le buone pratiche, pubbliche e private, alimentando così un circolo emulativo virtuoso;
• favorire il dibattito tra esperti, studiosi, manager e professionisti della comunicazione, studenti e cittadini interessati, fornendo materiali e strumenti d’analisi sull’informazione della sostenibilità.
Per raggiungere i suoi obiettivi OSA realizzerà 2 Ricerche annuali (la conoscenza è presupposto fondamentale per stimolare il cambiamento e per coinvolgere la società e migliorarne il benessere): Rapporto Eco Media e Rapporto SostenibilItalia; oltre a una serie di attività di comunicazione, formazione e sensibilizzazione in grado di coinvolgere i mass media, le istituzioni, le imprese, la società civile, le scuole e il grande pubblico.