Dove si veglia sul pluralismo politico

- Pluralismo politico e sociale
Dove si veglia sul pluralismo politico

Il servizio di Riccardo Franciolli per la Tv Svizzera ripercorre le tappe fondamentali della storia dell’Osservatorio di Pavia e della par condicio in Italia. Nel 1994 in Italia Silvio Berlusconi, alla testa di tre delle sette emittenti televisive a diffusione nazionale, fonda il movimento “Forza Italia” e si candida per le elezioni politiche. … Continua

Referendum costituzionale 2016: monitoraggio par condicio

- Pluralismo politico e sociale
Referendum costituzionale 2016: monitoraggio par condicio

Sul sito di Rai Parlamento è disponibile l’attività di monitoraggio del pluralismo politico sulle televisioni nazionali, svolta in occasione del Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. I risultati vengono utilizzati dalla Commissione Parlamentare di Vigilanza RAI. Rai Parlamento – Report Monitoraggio http://www.raiparlamento.rai.it/  

Elezioni regionali 2015: monitoraggio par condicio

- Pluralismo politico e sociale
Elezioni regionali 2015: monitoraggio par condicio

Sul sito di Rai Parlamento sono disponibili i dati relativi all’attività di monitoraggio del pluralismo politico sulle televisioni nazionali, rilevati in occasione delle elezioni regionali Rai Parlamento: Elezioni Regionali 2015 – monitoraggio della par condicio http://www.raiparlamento.rai.it/  

Elezioni europee 2014: monitoraggio par condicio

- Pluralismo politico e sociale
Elezioni europee 2014: monitoraggio par condicio

i Risultati dell’attività di monitoraggio del pluralismo politico in occasione delle elezioni europee (report quotidiani, report cumulativi e report di genere) sono consultabili al sito di Rai Parlamento. I risultati vengono utilizzati dalla Commissione Parlamentare di Vigilanza RAI. Rai Parlamento Rai Parlamento – report monitoraggio Elezioni Europee http://www.raiparlamento.rai.it/

L’Europa nei vecchi e nuovi media

- Pluralismo politico e sociale
L’Europa nei vecchi e nuovi media

Tanto nella TV generalista quanto sui nuovi media, è soprattutto in relazione alla crisi economica e politica che si parla di Europa: lo registra l’ultima ricerca dell’Osservatorio di Pavia, illustrata dal presidente Stefano Mosti durante l’ICS Summit di Roma del 24 ottobre 2013